logo[1]
 

REVERSE CHARGE


Gentili clienti,    

con la presente Vi illustriamo le novità previste dalla L. del 23 dicembre 2014 n. 190 in vigore dal 01.01.2015 avuto riferimento al REVERSE CHARGE (inversione contabile) con le delucidazioni fornite alla data del 16.02.15.

Il regime del reverse charge in vigore dal 2015,in aggiunta a quanto già previsto dall’art. 17 comma 6 lett. a) del DPR 633/72 relativamente alle imprese edili nei casi di subappalto ha introdotto, al comma 6 lettera a)ter dello stesso articolo, nuove operazioni che devono essere fatturate mediante l’applicazione dell’inversione contabile:

·       trasferimenti di quote di emissioni di gas ad effetto serra e di altre unità che possono essere utilizzate dai gestori, nonché di certificati relativi all’energia e al gas

·       cessioni di gas ed energia elettrica a un soggetto passivo rivenditore

·       cessioni di beni effettuate nei confronti di ipermercati, supermercati e discount alimentari

·       cessioni di bancali di legno (pallet) recuperati ai cicli di utilizzo successivi al primo(usati)

·       prestazioni di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici

In relazione a quest’ultima fattispecie si segnala quanto segue.

IL REVERSE CHARGE SI APPLICA:

v      prestazioni di pulizia di edifici, sia di interni sia di esterni

v      installazione di impianti elettrici,idraulici (gas, acqua e fognatura), condizionamento,antifurto, antincendio, anche previa rimozione di impianti già esistenti

v      demolizione di edifici, o parte di essi, che consistono di fatto nella rimozione o smantellamento di strutture preesistenti

v      lavori di completamento, nei quali rientrano le attività che contribuiscono alla finitura di una costruzione (posa in opera di vetrate, intonacatura,tinteggiatura, lavori di rivestimento di muri e di pavimenti o di rivestimento con altri materiali come parquet, moquette, carta da parati, levigatura di pavimenti, carpenteria per finitura e di isolamento acustico)

v      rapporti tra appaltatore e committente, in relazione ai servizi rilevanti

IL REVERSE CHARGE NON SI APPLICA:

v      prestazioni verso privati

v      prestazioni verso condomini (no soggetti passivi)

v      prestazioni rese da professionisti (consulenze)

v      cessione di beni con posa in opera

L’APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE E’ INCERTA:

v      installazione di impianti di illuminazione stradale perché non relativi ad edifici

v      manutenzioni, in quanto non espressamente richiamate dalla norma

v      prestazioni che rientrano tra quelle di completamento degli edifici, eseguite in fase di realizzazione o meno di questi ultimi

v      prestazioni di pulizia strade, piazzali, piscine, cisterne in quanto non relativi ad edifici

v      i servizi di raccolta di rifiuti da demolizione e di disinfezione e disinfestazione di edifici, in quanto non rientranti nel concetto di pulizia

v      installazione nei cantieri di edifici, prefabbricati o di strutture anche di natura temporanea

 

A disposizione per ogni eventuale chiarimento dovesse necessitarVi, porgiamo distinti saluti.

 

Milano, febbraio 2015


 

Piazza Amendola 5 -  20149  Milano -  Tel   02.48009955    Fax   02.48008902


info@studiotalignani.it

  Site Map