n. 2/2012- STUDIO TALIGNANI

n. 2/2012

CIRCOLARE N. 2

 

Gentili clienti,

con la presente circolare intendiamo ricordarvi le norme attualmente in vigore relative al RAVVEDIMENTO OPEROSO

Tempi e modalità del ravvedimento

 

Termine

Sanzione Applicabile

 

SPRINT

Entro 14 giorni successivi alla scadenza. In caso di pagamento delle sole imposte, entro i 14 giorni successivi alla scadenza, il ravvedimento “sprint” può essere fatto entro il termine di 30 giorni dalla scadenza originaria del versamento

0,2% per ogni giorno di ritardo (prima riduzione, 1/10 del 30% uguale al 3%; seconda riduzione, 1/15 del 3%, uguale allo 0,2%); la misura varia dallo 0,2% per un giorno di ritardo, fino al 2,80% per 14 giorni di ritardo

 

BREVE O MENSILE

Imposte pagate a partire dal 15° giorno fino al 30° giorno successivi alla scadenza

3% fisso (1/10 del 30%)

 

LUNGO O ANNUALE

Per le imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali, dal 31° giorno successivo alla scadenza fino al termine della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è commessa la violazione

3,75% fisso (1/8 del 30%) per le violazioni commesse dal 1° febbraio 2011; per le violazioni commesse fino al 31 gennaio 2011, si applica la sanzione del 3%

 

IL QUARTO RAVVEDIMENTO, COSIDDETTO “TRIMESTRALE”

Termine

Sanzione applicabile

 

TRIMESTRALE

Per le rate omesse successive alla prima per concordato, conciliazione, rinuncia all’impugnazione dell’accertamento (auto concordato), comunicazione di irregolarità a seguito del controllo automatizzato o formale delle dichiarazioni dei redditi, dell’Iva e dell’Irap, dal 31° giorno fino al termine di scadenza della rata successiva, cioè, di norma, entro un trimestre.

Anche per questi contribuenti, resta ferma la possibilità di avvalersi del ravvedimento “sprint” o breve

3,75% fisso (1/8 del 30%)

Nota: per i tardivi od omessi versamenti, regolarizzati con il ravvedimento, sono anche dovuti gli interessi legali nella misura del 1,5% annuo fino al 31/12/2011, mentre dal 01/01/2012 sono dovuti nella misura del 2,5% annuo.

Milano, 10 gennaio 2012